long shot man working roof - GiroCredito

Il Decreto Legge Semplificazioni ha introdotto alcune importanti ed attese novità nella disciplina del Superbonus 110%; vediamo di cosa si tratta.

superbonus110%

Con la pubblicazione del Decreto Legge 77 del 31 Maggio (cosiddetto Decreto Legge Semplificazioni) alcune previsioni normative riguardanti il Superbonus 110% sono state oggetto di una revisione che ha toccato alcuni aspetti, compresi alcuni che si sono dimostrati problematici, soprattutto con riferimento a quella che, forse più di tutte, è stata la criticità maggiore: la velocità con cui si è riusciti a dare inizio ai lavori, specialmente nei condomini.

Andiamo però con ordine ed analizziamo tutte le modifiche che sono state apportate.

Le novità per le barriere architettoniche

barriere-archiettoniche

La prima novità introdotta modifica il comma 4 dell’articolo 119 e riguarda i lavori che hanno ad oggetto la rimozione delle barriere architettoniche, di cui parliamo anche in questo articolo, i quali divengono un intervento trainato anche del sismabonus.

La previsione rende operativa una modifica assolutamente non di poco conto, nell’ottica di un ammodernamento dei nostri edifici volto a raggiungere una maggiore inclusività.

Al riguardo è importante segnalare che in risposta ad un’interrogazione parlamentare è stato chiarito che l’eliminazione delle barriere architettoniche spetta anche in assenza di disabili o di over 65 nell’unità immobiliare o nell’edificio oggetto dei lavori; inoltre è stato confermato che anche per tali interventi è possibile optare per lo sconto in fattura o per la cessione del credito e che la spesa massima agevolabile ammonta a 96.000€.

Le novità per l’attestazione di stato legittimo

La modifica probabilmente più attesa riguarda la cosiddetta “attestazione di stato legittimo”, che dal 1° Giugno 2021 non occorre più, essendo stata sostituita con la Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA).

Secondo la nuova formulazione, tutti gli interventi ammissibili al Superbonus, con la sola esclusione delle opere realizzate mediante demolizione e ricostruzione, costituiscono delle manutenzioni straordinarie e possono essere realizzati con la già citata CILA per il cui ottenimento non è richiesta l’attestazione dello stato legittimo.

Viene anche previsto che la decadenza dal beneficio fiscale opera solo nei seguenti casi:

  • mancata presentazione della CILA
  • interventi realizzati in difformità dalla CILA
  • assenza dell’attestazione degli estremi del titolo abitativo
  • non corrispondenza al vero delle attestazioni previste.

Da un punto di vista pratico gli effetti sono importanti e riguardano in primo luogo l’accelerazione dei tempi per la partenza dei cantieri (in particolare nei condomìni), visto che l’attestazione dello stato legittimo aveva infatti rappresentato una delle cause che hanno rallentato l’avvio dei lavori, visti i lunghi tempi necessari all’ottenimento del documento.

L’eliminazione dello stato legittimo non rappresenta comunque alcun tipo di condono per eventuali abusi, poiché si prevede che resti immutata ogni valutazione circa la legittimità dell’immobile oggetto di intervento e si lascia aperta la possibilità di ricevere eventuali sanzioni nel caso in cui emergano difformità rispetto all’ultimo titolo abitativo.

Le novità per Onlus, Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di Promozione Sociale

onlus

Altre importanti novità riguardano i limiti di spesa per Onlus, OdV (Organizzazioni di Volontariato) e APS (Associazioni di Promozione Sociale).

Il nuovo Decreto Legge aggiunge il comma 10-bis, con il fine specifico di rendere più equo il trattamento che la misura riserva alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, prevedendo un limite di spesa ammesso alle detrazioni che deve essere moltiplicato per il rapporto tra superficie complessiva dell’immobile e la superficie media di una unità abitativa immobiliare (come si può ricavare dal Rapporto pubblicato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare).

Tali previsioni sono applicabili se vengono rispettati i seguenti requisiti:

  • le organizzazioni svolgono attività di prestazione di servizi socio-sanitari e assistenziali
  • i membri del Consiglio di Amministrazione non percepiscono compensi o indennità in carica
  • sono in possesso di immobili nelle categorie catastali B/1 (collegi, orfanotrofi, conventi, ricoveri, caserme), B/2 (ospedali e case di cura senza fine di lucro) e D/4 (ospedali e case di cura con fine di lucro).

Le modifiche apportate dal Decreto Semplificazioni rappresentano un importante passo in avanti in materia di Superbonus 110%, soprattutto su due direttrici fondamentali.

In primis si cercano di porre le condizioni affinché gli interventi vengano realizzati nel minor tempo possibile; concordemente con altre previsioni, quali ad esempio la possibilità di cessione del credito per riuscire a monetizzare più velocemente il beneficio, appare evidente come la ricerca della rapidità nell’esecuzione e godimento della misura sia ritenuta fondamentale da parte del legislatore, soprattutto nel caso del superbonus 110%.

In secondo luogo, come già accennato precedentemente, si intravede la volontà di fare del Superbonus 110% una misura sempre più inclusiva, andando ad estendere la platea di beneficiari alle organizzazione senza scopo di lucro e prevedendo la possibilità di effettuare interventi che riducono il disagio abitativo per persone affette da disabilità o per gli anziani.

Continuate a seguirci sui nostri vari canali social e sul nostro blog per ulteriori info riguardanti il superbonus 110% e tutte le novità sui bonus edilizia!

Logo-girocredito